Perchè è nata F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli?

F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli è un esempio unico di ente privato non profit che riconosce come obiettivo prioritario la prevenzione e la cura delle malattie dello scheletro. Sebbene milioni di persone siano affette da patologie delle ossa, la sensibilizzazione verso queste malattie è scarsa, spesso i medici non riescono a riconoscerle e i fondi per la ricerca sono esigui. Bisognava assolutamente fare qualcosa. E’ in questo scenario che il 20 Febbraio 2006 nasce F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli.

La Fondazione, è stata dedicata dalla famiglia Becagli a Raffaella, scomparsa precocemente e tragicamente, nella volontà di ricordarla attraverso un’opera benefica e meritoria. La Fondazione si è posta un obiettivo ambizioso: debellare le malattie dell’osso. A tale scopo la Fondazione stringerà alleanze strategiche con i pazienti, le organizzazioni mediche e scientifiche, le agenzie deputate alla salute pubblica, le università, i ricercatori e le industrie.

La lotta contro le malattie dell’osso è un movimento collettivo che guadagna consenso giorno dopo giorno. Il Comitato dei Partners Scientifici e quello dei Partners Industriali e Istituzionali saranno i formidabili motori di crescita della Fondazione. E’ convinzione dei fondatori che Raffaella avrebbe immediatamente sposato la causa di coloro che, deboli e senza certezze, cercano una risposta. La Fondazione vorrà, in nome di una persona così ricca di sentimenti e disposta all’aiuto disinteressato, far emergere i problemi che affliggono tanti esseri umani e che pur sono ancora scarsamente considerati. Terapie e diagnosi innovative verranno sostenute dalla Fondazione negli anni a venire.

Eng Flag  English Version

Dottssa BrandiMilioni di persone nel nostro Paese convivono con la disabilità e il dolore causato dalle malattie delle ossa, e di queste molte potrebbero essere prevenute e adeguatamente curate.Come Presidente di F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli sono profondamente consapevole dell’importanza che la comunicazione e la conseguente partecipazione pubblica può avere nell’aumentare la visibilità di queste malattie e della Fondazione stessa. Essere più visibili significa informare con maggiore incisività i pazienti e la classe medica e nel contempo reclutare i fondi necessari per la ricerca e per i programmi educativi in questo settore della medicina. Sono pronta a prodigarmi per pubblicizzare la Fondazione e le sue future azioni. Mi adopererò per incoraggiare sia l’industria che le istituzioni a partecipare attivamente ai programmi di F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli, contribuendo così a combattere le malattie dello scheletro.

Negli anni futuri ci aspettano molti impegni e tra questi quello di aumentare la conoscenza delle malattie dell’osso nell’opinione pubblica, per poter ottenere il supporto necessario alla crescita della Fondazione.

C’è ancora una lunga strada da percorrere prima che la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle malattie dello scheletro raggiungano nel nostro Paese lo standard cui miriamo.
Insieme possiamo costruire un mondo di persone con uno scheletro sano.

Maria Luisa Brandi
Presidente F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli